CosaServePerViaggiare.com

Rischi da immersione

I pericoli legati all’immersione comprendono la malattia da decompressione, l’ebrezza da azoto, l’embolia gassosa arteriosa e lesioni craniche.
Per prevenirli, è essenziale seguire i tempi di risalita, rispettare le soste obbligatorie, evitare di prendere voli entro le 15-24 ore successive all’immersione, riconoscere e evitare le condizioni rischiose come scarsa visibilità e forti correnti, non fare immersioni da soli o in stato di alterazione dovuta a sedativi, sostanze stupefacenti o alcol.
La narcosi da azoto può essere mitigata mantenendo una profondità moderata, evitando acque fredde e mantenendo una buona condizione fisica.

photography of two persons underwater

Inoltre, è consigliato mantenere una buona forma fisica aerobica, evitare temperature basse e sottoporsi a controlli medici per valutare l’idoneità all’attività subacquea. In caso di aumento di profondità, la pressione aumenta a causa del volume d’acqua sovrastante. Tale pressione può causare la malattia da decompressione, (conosciuta anche con l’acronimo MDD), caratterizzata dalla formazione di pericolose bolle d’azoto nel corpo a causa della pressione elevata in acqua. Normalmente, l’azoto viene espulso, ma durante l’immersione può accumularsi e generare narcosi da azoto.L’eccesso di azoto sotto pressione elevata si deposita in forma liquida nel sangue e nei tessuti, liberandosi sotto forma gassosa durante la risalita e causando la formazione delle bolle d’azoto.
Durata, profondità, temperatura dell’acqua e velocità di risalita sono fattori che possono influenzare la sindrome da decompressione.

Se prima di partire ai bisogno di consigli medici su come affrontare in salute il tuo viaggio prenota una consulenza online. Scopri di più e prenota

error: Content is protected !!
Torna in alto